Week-end di Pasqua all’Isola d’Elba con un’auto a noleggio

La Pasqua quest’anno viene abbastanza presto (Domenica 5 Aprile) ma già avanti quanto basta per godere, in caso di bel tempo, di giornate lunghe (è già entrata in vigore l’ora legale, che, come ogni anno, ci impone di mettere le lancette avanti di un’ora nella notte dell’ultima domenica di marzo), di un bel sole e di un mare splendido!

Le offerte per il weekend lungo di Pasqua in Toscana (da Venerdì 3 a Lunedì 6 Aprile, Pasquetta) su internet già si moltiplicano, dal Chianti alla Costa degli Etruschi, da Arezzo a Grosseto; ma in questo articolo parleremo invece di un piccolo ma incantevole appezzamento di terra toscana, ovvero l’Isola d’Elba!

L’Isola d’Elba (provincia di Livorno) è l’isola più grande dell’Arcipelago Toscano (223 kmq), contornata dalle acqua del Mar Tirreno e con un promontorio centrale (Monte Capanne) che supera di poco i 1000 metri di altezza. Questa speciale conformazione territoriale dona all’isola un’unicità incredibile: trekking che si aprono su panorami marini mozzafiato, spiagge incantevoli, piccoli paesi con porticcioli pittoreschi.

E allora, proprio approfittando del fatto che ancora siamo fuori dalla stagione turistica estiva e dunque è possibile godersi con più calma e tranquillità le preziose bellezze naturali dell’Isola d’Elba, vi invitiamo a noleggiare un auto a Portoferraio (dove molto probabilmente arriverete con il traghetto) e utilizzare i 4 giorni per farvi tutto il periplo dell’isola visitando le spiagge più suggestive (e per i più intrepidi, magari nell’ora di punta, provare l’ebbrezza di un primo bagno!).

Partendo quindi da Portoferraio e girando in senso antiorario, ecco alcune delle spiagge più rinomate:

Le Ghiaie: vicina al paese e con la particolarità di essere composta da piccoli ciottoli bianchi puntellati di nero, come il manto dei cani dalmata;

Enfola: promontorio elbano collegato all’isola da un piccolo e stretto istmo che forma in questo punto due spiagge (una a nord e una sud);

Biodola: una spiaggia di 600 metri di sabbia bianca; una delle più belle dell’isola;

Procchio: ancora una spiaggia bianca bellissima, in un golfo molto ampio (circa 1 km.) suddiviso in tre località: Procchio, Campo all’Aia e Guardiola;

Pomonte: davanti alla spiaggia del Quartiere una curiosa particolarità: sul fondale di 9 metri, perfettamente visibile dalla superficie, si trova adagiata una nave da carico affondata in quel punto nel 1972 e oggi dimora di molte specie di pesci e piante marine!

Marina di Campo: è la spiaggia di sabbia più estesa dell’isola (1500 metri), molto amata dai turisti.

Fonza: una piccola spiaggia poco frequentata anche in estate (fatto questo non trascurabile) per la strada non comoda che occorre fare per raggiungerla. E’ anche molto amata dai sub per la ricca fauna sottomarina.

Innamorata: è la spiaggia che ha di fronte le isole Gemini (due isolotti coperti di vegetazione a poca distanza dalla riva) e prende il nome da una storia di paese riguardante due innamorati e di cui si festeggia la ricorrenza il 14 luglio.

Barbarossa: una piccola insenatura sabbiosa di circa 150 metri di lunghezza che pare prenda il nome dal famoso pirata Barbarossa in quanto dicesi che la usasse come punto di approdo all’isola;

Topinetta e Cala Seregola:  spiagge vicine e formate entrambe da sabbia e sassi nerissimi, fatto questo dovuto all’enorme quantità di minerale ferroso di cui si costituiscono.

Ecco quindi solo alcune delle tappe che il vostro tour all’Isola d’Elba potrà prevedere. Ovviamente vi suggeriamo anche di gustare le specialità di mare tipiche dell’isola nei ristorantini tipici che in ogni paese potete trovare, accompagnando il tutto con ottimi vini bianchi freschi e soprattutto il vino tradizionale dell’isola, l’Ansonica! Siamo sicuri che sarà una Pasqua che non dimenticherete facilmente!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *