Noleggia un auto a Torino per il tuo tour delle Dimore Sabaude

Torino è una di quelle città che hanno una bellezza inaspettata, sobria, mai eccessiva. La sua eleganza è pari solo alla grandezza della storia: una storia che oggi si ritrova nei suoi monumenti, nelle sue chiese e soprattutto nelle maestose ville.

La città di Torino, infatti, è da sempre il punto di riferimento della Casa Savoia. Dal 1559 divenne capitale dell Ducato di Savoia e per diversi anni fu capitale di un regno sconfinato. La grandezza del regno sabaudo ha influenzato Torino, capitale politica dei domini e centro economico, ed è facile ammirare i segni di questo splendore nelle antiche dimore.

Dove si trovano? Anche in centro, certo, ma sai i nobili come sono: amano la riservatezza. Per questo la maggior parte delle dimore sabaude sono state costruite fuori città, tra il verde e le dolci colline che circondano Torino. Ecco un itinerario per organizzare la tua gita tra le ville della nobiltà dei Savoia.

Reggia di Venaria Reale

Questa dimora si trova a circa trenta minuti di automobile dal centro di Torino, ed è uno degli esempi più famosi di maestosità ed eleganza al servizio dell’architettura. Già all’epoca della sua costruzione – XVII secolo – era famosa come la reggia di Versailles della casa Savoia e i tratti del barocco piemontese sono perfettamente riconoscibili nelle linee e nelle decorazioni. La reggia di Venaria Reale venne in parte distrutta nel 1693 e ricostruita più bella di prima: prima di organizzare la tua visita controlla orari e giorni festivi sul sito ufficiale.

Castello di Agliè

Ci vuole qualche minuto in più per raggiungere il Castello di Agliè, situato a nord di Torino, ma lo spettacolo che troverai è senza pari. Il suo passato di fortezza medievale, robusta e ben difesa, non ha frenato il desiderio di conte Filippo San Martino che voleva una residenza degna di tale nome.

Filippo San Martino voleva competere con le ville sabaude di Torino e decise di acquistare – nel 1667 – questa struttura e di trasformarla in un gioiello. Un gioiello che ancora oggi può essere ammirato in tutta la sua bellezza.

Palazzina di caccia di Stupinigi

Invertiamo rotta e andiamo verso sud. Partendo con la tua auto dal centro di Torino basta un attimo per ritrovarti tra le terrazze della Palazzina di caccia di Stupinigi, una delle dimore Savoia conservate con maggior cura.

Gli interni di questa dimora lasciano senza parole (il trionfo di Diana nel salone centrale è tra le opere più importanti), ma è l’area verde a colpire realmente l’attenzione: il giardino geometrico è stato progettato dal francese Michael Bernard nel XVIII secolo ed è un intreccio di viali, aiuole e terrazze.

Castello Reale di Racconigli

Prima monastero, poi casaforte e infine dimora Savoia: il Castello di Racconigi si trova a breve distanza da Torino e racchiude tutto il fascino delle ville nobiliari del periodo sabaudo. Dal XVIII secolo venne utilizzata come villa delle delizie, ovvero come residenza suburbana della famiglia Savoia preferita per le villeggiature lontano (ma non troppo) dalla città. Tra le stanze più importanti della dimora è giusto ricordare il Gabinetto Etrusco, ovvero lo spazio utilizzato da Carlo Alberto per svolgere le sue funzioni istituzionali: la bellezza e il valore delle opere che lo decorano è senza pari.

Ovviamente queste sono solo quattro delle numerose dimore storiche Savoia che si trovano nei dintorni di Torino. Vuoi dedicare un’intera giornata o solo poche ore a queste visite? Il consiglio è semplice: usa l’auto e viaggia comodomente da una villa all’altra. Se basi tutto sui mezzi pubblici sarà difficile ottimizzare i tempi.

Sei in vacanza e hai lasciato la tua quattro ruote a casa? Poco male: puoi noleggiare un’auto a Torino e sfruttare i lati positivi del treno per spostarti da città a città, e una volta a Torino puoi noleggiare un’automobile per risparmiare tempo prezioso.
(Per noleggiare un auto a Torino occorre qualche piccola accortezza in più: ne abbiamo parlato nell’ultimo paragrafo questo altro articolo, di cui ti consigliamo prendere visione.)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *